La Legge quadro 328/2000 prevede l'istituzione da parte degli enti pubblici, e in particolare delle Province, di Osservatori per le politiche sociali quali sistemi strutturati e stabili di raccolta, elaborazione e diffusione di dati che possono rappresentare una risorsa cruciale per la programmazione a livello territoriale. Declinati in modo tematico, gli Osservatori svolgono una funzione di promozione, sotto forma di laboratorio di iniziative, proponendosi come punto di riferimento per coloro i quali si occupano di particolari gruppi di popolazione. L'IRS realizza da più di 10 anni osservatori comunali e provinciali costruendo, da un lato sistemi informativi che mettono a disposizione conoscenze e dati contestualizzati, valorizzando e sistematizzando quanto già esistente, dall'altro strumenti per creare collegamenti tra soggetti, funzioni e contesti disciplinari tradizionalmente separati, consentendo in tal modo ai territori, nelle fasi di costruzione e revisione dei Piani sociali di zona, di avere informazioni precise sullo stato dei bisogni e dei servizi al fine di realizzare analisi congiunte di domanda sociale e offerta di interventi. I progetti realizzati si pongono nell'ottica del coinvolgimento attivo dei "clienti" degli Osservatori, riservando particolare cura ai percorsi di attivazione, ai "prodotti" che si possono offrire e agli strumenti che le nuove tecnologie mettono oggi a disposizione.

Tra i principali e più recenti interventi in questi ambiti segnaliamo: