Novità

ReFlex - REconciliation and FLEXibility: reconciling new work and care needs

Nei primi mesi del 2020 sono iniziate le attività del progetto ReFlex - REconciliation and FLEXibility: reconciling new work and care needs, di cui IRS è partner.
Il progetto, il cui capofila è il Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, punta al superamento del divario di genere attraverso lo studio, la promozione, la realizzazione e la condivisione di iniziative che favoriscano l’equilibrio tra vita lavorativa e vita personale di donne e uomini, con una partecipazione più equilibrata agli impegni di cura familiare e un supporto più efficace alla genitorialità.
Nello specifico ReFlex si propone come obiettivo finale quello di sistematizzare e modellizzare un sistema di welfare aziendale che possa diventare in futuro un riferimento nazionale per tutte le imprese del territorio italiano anche attraverso la presenza di un APP impostata per sfruttare le potenzialità dell’intelligenza artificiale.
A questo scopo il progetto intende sviluppare un set di iniziative a supporto delle imprese, al fine di promuovere l'equilibrio tra vita professionale e vita privata attraverso l’attuazione di attività di studio e ricerca, attività formative, informative e di sensibilizzazione, l’attivazione di specifiche campagne di comunicazione e lo scambio di buone pratiche e informazioni tra alcune fra le principali imprese italiane che già partecipano al “Tavolo istituzionale di confronto e dialogo col mondo delle imprese per la promozione della conciliazione tra tempi di lavoro e tempi di cura della famiglia ed il sostegno della natalità e della maternità in ambito aziendale” attivato recentemente dal Dipartimento per le politiche della famiglia.
 

ATTENZIONE, CONSAPEVOLEZZA E PROTEZIONE CONTRO L’AGGRESSIVITÀ

Un nuovo corso della Scuola in calendario il 22 e 29 ottobre, per promuovere la sicurezza nel lavoro sociale. Spesso gli operatori sociali sono soggetti ad attacchi, a volte anche gravi. Le dotazioni strutturali sono indispensabili, senza dubbio: ma quali sono i comportamenti e gli atteggiamenti che possono aiutare da un lato a continuare a lavorare serenamente, dall’altro a valutare e gestire situazioni di rischio? L’utilizzo di metodologie di Analisi Transazionale può aiutare a sviluppare gli aspetti relazionali, le procedure e gli accorgimenti “micro” che aumentano l’autoprotezione. Proponiamo quindi due giorni laboratoriali  a Milano presso la nostra sede dalle 10 alle 17. Per assistenti sociali o altri operatori che lavorano in front line, ovvero a stretto contatto con l’utenza, sia in servizi di primo accesso che in servizi di secondo livello.
Condotto da Ugo De Ambrogio
Per info fpicozzi@irsonline.it 

TU CHIAMALE SE VUOI EMOZIONI

Sperando in un'evoluzione positiva della situazione, abbiamo spostato le date del corso dedicato all'utilizzo degli strumenti dell'Anallisi transazionale nelle relazioni d'aiuto. Nei giorni 19 ottobre e 3 novembre sarà possibile frequentare il percorso laboratoriale che, a partire dalle esperienze dei partecipanti e dalla loro capacità di mettersi in gioco, potrà accompagnarli alla conoscenza dei concetti fondamentali dell’Analisi Transazional. Un momento per acquisire strumenti e tecniche utili a sviluppare conoscenza di sé,consapevolezza del ruolo che hanno le emozioni nella relazione d’aiuto e nei processi di lavoro nelle organizzazioni, consapevolezza della dimensione empatica ed emotiva dei processi di lavoro.

Sarà quindi possibile sperimentare modalità relazionali utili a generare processi di cambiamento e crescita all’interno dei diversi contesti professionali.

Il corso sarà condotto da Ariela Casartelli e Francesca Merlini, autrici con Patrizia Cola del testo Il Servizio sociale incontra l’Analisi Transazionale , ed. Maggioli

Scarica il programma